AVENGERS – INFINITY WAR

TITOLO: AVENGERS – INFINITY WAR

GENERE: SUPEREROI

RATING:  * * * –

TRAMA:

L’intero cosmo trema, Thanos, un titano malinconico e pazzo, sta devastando pianeti e civiltà alla ricerca delle sei gemme elementari. Chi le possiede acquista un potere infinito, talmente grande da poter far cessare l’esistenza dell’intero universo con un semplice schiocco delle dita.

Di fronte ad una minaccia così letale gli Avengers ed i Guardiani della Galassia sono chiamati all’estremo sacrificio per scongiurarla.

(Regia: Anthony e Joe Russo – anno 2018)

COMMENTO:

La tristezza è tanta, lo sconcerto di più! Impossibile parlare di questo film se non attraverso una metafora. Doveva essere una serata speciale perché aspettavo ospiti importanti, i più importanti forse, perché erano i personaggi che avevano costellato di sogni ed avventure straordinarie la mia adolescenza. La casa della mia fantasia era lustra ed ordinata. Avevo preparato tutto con la massima cura, anche dei dettagli, ed aspettavo con ansia l’arrivo dei miei ospiti.

Din-don (campanello) – Ecco il primo. Il cuore accelera un po’.

– Ciao … – ma chi cavolo è questo? Non lo riconosco! La divisa tutta nera ed attillata non mi ricorda nessuno dei miei supereroi … aspetta, quella stella sul petto … – Steve Rogers alias Capitan America! Benvenuto, ma cosa ci fai con la barba lunga? E lo scudo, la tuta azzurra a stelle e strisce?! – Cavoli, non credevo che fosse così interessato alle mode; che il barbone fosse un vezzo del moderno glamour barbuto? Discutibile anche la scelta di abbandonare il leggendario costume …

Din-don (campanello) – Non ho tempo di pensarci troppo, stanno suonando altri ospiti.

– Ehilà Tony Stark alias IronMan, Peter Parker alias SpiderMan! – Meno male che almeno loro sono sempre i vecchi figaccioni che ricordavo; c’è anche quel fricchettone del Doctor Strange e quella gnocca della Vedova Nera – Benvenuti, entrate, entrate!

Noooo, guarda come s’è ridotto Visione!!! Da supereroe quasi invincibile si è trasformato in una specie di bamboccio innamorato e di pastafrolla, che peccato! – Cosa? Ti hanno fatto male? Ma cosa dici, tu puoi modificare la densità molecolare del corpo a piacimento, ricordi? E’ impossibile che ti abbiano ferito!

Din-don (campanello) – E quest’armadio chi è? … Thanos? Ho sentito parlare di lui nei corridoi della Marvel, è un tipaccio duro, antipatico ed egocentrico che adora umiliare il prossimo per mero diletto; poveraccio, non sa ancora con chi ha a che fare, gli Advengers & Co. non sono dei nerds che si fanno mettere in mezzo e poi stiamo ancora aspettando il più figo di tutti, Hulk, quello che ti risolve anche le situazioni più difficili create dal superbullo di turno, quando arriverà non vorrei essere nei suoi panni!

La casa ormai brulica di supereroi e figure insignificanti come I Guardiani della Galassia, parassiti che vivacchiano alle spalle della fama altrui. Intanto Thanos, da buon megalomane narcisista qual’è, s’è già preso il centro della scena umiliando e schernendo i miei amici … poveretto!

Din-don (campanello) Thor sei tu, finalmente!!! … Thor? … sei tu? E il tuo micidiale martello? Distrutto?!? Ma che cazz… E tuo fratello Loki? … Lascia perdere, non piangere adesso!

Ma dove cavolo si è cacciato Hulk, perché ancora non si vede? IronMan e SpiderMan si stanno facendo in quattro ma Thanos se la ride.

Doctor Strange non stare li a giocare al mago Silvan, lanciagli una maledizione che lo fulmini!

Macché non ci sente.

La serata ormai è un casino, ma arriverà Hulk e allora si che riderò io! Mi getto sull’unica poltrona rimasta libera, la tensione e l’attesa mi hanno sfinito. Mi sveglio che è notte fonda. Non c’è più nessuno. La casa è praticamente distrutta, il frigo aperto e vuoto, bicchieri e piatti di plastica rovesciati dappertutto, scritte ingiuriose contro gli Avenergs dipinte con le bombolette spray sulle pareti, il divano nuovo pisciato da Thanos … un vero disastro! E quello stronzo di Hulk non si è nemmeno fatto vedere, codardo!

Mi sento stordito, non capisco … ma forse lo smarrimento è soltanto la normale conseguenza di una mente che non contemplava la categoria della sconfitta. Come per gli X-Man, con LOGAN – THE WOLVERINE, anche per la saga degli Avengers, con INFINITY WAR, è stata decretata l’uscita di scena, ma un’uscita molto più dura e spietata di quella degli X-Man ai quali è stato almeno concesso l’onore delle armi.

(Chiuso per lutto)

Annunci

Dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...