PROFESSORE PER AMORE

PROFESSORE_PER_AMORE_gTITOLO: PROFESSORE PER AMORE

GENERE: COMMEDIA

RATING:  * * * +

TRAMA:

Keith Michaels è uno sceneggiatore hollywoodiano di successo, tanto da vincere qualche anno prima addirittura un oscar con il suo mitico film Paradiso sbagliato. Ma da un po’ di tempo a questa parte l’ispirazione sembra averlo abbandonato e le sue nuove sceneggiature non incontrano più il favore dei produttori; così, suo malgrado, per vivere è costretto ad accettare un lavoro di ripiego come insegnante in un corso di sceneggiatura presso una università di una piccola cittadina di provincia americana. La delusione ed il cocente senso di sconfitta sono tali che all’inizio Keith decide di usare quel lavoro solo per stare a galla, impegnandosi il meno possibile, ma poi qualcosa succede e come disse il suo nuovo collega ed amico Jim, “l’insegnamento affonda i suoi artigli ” ….

(Regia:  Marc Lawrence  – anno 2015)

COMMENTO:

Un film che racconta la storia di uno sceneggiatore non può che avere una sceneggiatura speciale e quella di Marc Lawrence è impeccabile! Dialoghi veloci e acuti, battute fresche e taglienti, gaffe divertenti, il tutto in perfetta linea con i parametri della commedia.

Una pellicola brillante, che riesce a coniugare leggerezza ed intelligenza, affidata ad un grandissimo  Hugh Grant, il cui volto maturo è perfetto nel’impersonare quello informale e disincantato del professor Keith Michaels, uomo estremamente intelligente e sceneggiatore una volta sulla cresta dell’onda, che vive ora il declino degli scrittori che hanno perso l’ispirazione e con essa anche un po’ della propria autostima. Un matrimonio che non c’è più, un figlio che non si sente da troppo tempo, fanno il resto, ma il tutto raccontato senza mai scantonare dal genere umoristico, grazie alla penetrante ironia affidata ai pensieri perspicaci e disarmanti che il prof. Keith non riesce proprio a nascondere, soprattutto se aiutato da un buon bicchiere di vino. Le sue parole escono fluide e spontanee creando spesso imbarazzo negli astanti ma anche quell’istintiva simpatia in chi ama la sincerità; le persone come Keith Michaels sono così, o si amano o si odiano, personalmente sono fra quelli che le adorano.

Tutti i personaggi sono simpaticissimi e psicologicamente ben delineati, da Jim, ex nerd che insegna Shakespeare, la cui vita personale risente del declino dei sonetti da lui citati, al preside della scuola dott. Lerner, ex marines dal cuore di burro che si commuove ogniqualvolta mostra con orgoglio la foto di sua moglie e delle sue adorate quattro figlie, in tutto 5 donne che lo pongono in una situazione di minoranza spiazzante, ma di cui è evidentemente follemente innamorato. Una piccola comunità talmente ben assortita da farti venir voglia di andare a vivere in quella piccola e piovosa cittadina degli Stati Uniti.

Carina la somiglianza di Marisa Tomei (nei pani della travolgente Holly Carpenter) con la nostrana Geppy Cucciari in versione americana.

Una commedia gradevole ed intelligente che ti lascia la stessa sensazione di soddisfazione e buonumore di una serata trascorsa  in compagnia di buoni amici, simpatici e stimolanti; se per voi è poco ….

 

Annunci

10 pensieri su “PROFESSORE PER AMORE

  1. lapinsu

    Hugh Grant non mi entusiasma, ma debbo riconoscere che i ruoli di personaggi “decadenti” gli si addicono molto. Sarà per quella piega un po’ amara del suo sorriso, chissà.
    Sul genere ricordo il carinissimo About a boy.
    Avevo già inserito questo film nella mia watchlist e la tua rece positiva non fa che confortare la mia scelta.
    Ti farò sapere cosa ne penso (non a breve però, mi toccherà aspettare il dvd perchè attualmente ci sono altri film in sala che mi tirano di più…)

    Rispondi
  2. admin1962 Autore articolo

    E’ sempre un onore averti a bordo, e conoscendo la diversità di gusti le tue partecipazioni hanno un valore ancora maggiore! 😉
    Con un aggettivo hai riassunto tutta una categoria di personaggi spesso affidati a Hugh Grant: “decadenti” eh eh … vero! Io aggiungerei simpaticamente ed umanamente decadenti 🙂
    Vado a vedermi About a boy (che avevo rinviato perchè non amo i ragazzini più saggi dei cinquantenni) e quando ti capiterà di vedere “Professore per amore” sarà un piacere scoprire cosa ne pensi tu!
    A presto caro

    Rispondi
  3. Cristina

    Ciao Ale 🙂 ho trovato questo film particolarmente interessante, divertente e discreto.Cosa dire di Hugh Grant? E’ un attore che a me piace tantissimo ancora affascinante seppure con qualche rughetta 😉 questo suo fare molto british un po’ sbadato e goffo, fa di lui un personaggio ben rappresentato. Ovvero quello di un uomo sui 50 anni a tratti ancora adolescente e viziato che ha avuto e perso tanto dalla vita, ma che dalla vita stessa ha ancora tanto da imparare… l’amore e i suoi valori autentici. Baci baci 🙂

    Rispondi
    1. admin1962 Autore articolo

      Che dire Cri, un punto di vista che non solo condivido appieno, ma che denota sensibilità ed un ottimo spirito di osservazione 🙂
      Ad averne followers così ! 😉
      Grazie per essere tra noi

      Rispondi

Dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...