GLI EQUILIBRISTI

gli_equilibristiTITOLO: GLI EQUILIBRISTI

GENERE: DRAMMATICO

RATING:  * * *

TRAMA:

Un errore può gettare una bellissima famiglia tra le fiamme dell’inferno. Lo capirà molto bene Giulio, padre di una famiglia piccolo borghese, che di quell’errore si troverà ad affrontare le conseguenze. La separazione, il divorzio, è un lusso che pochi possono permettersi, per tutti gli altri esiste solo la miseria e la strada …

(Regia: Ivano De Matteo – anno 2012)

COMMENTO:

Valerio Mastandrea è un artista al contrario! Normalmente un attore adatta la mimica facciale alle diverse situazioni che di volta in volta il racconto richiede, lui no, la sua espressione è sempre quella un po’ malinconica e triste dello sfigato, sia che interpreti una colonscopia che una vincita al superenalotto; le soluzioni in questi casi sono due:  o cambi attore o costruisci la storia attorno a quella espressione; nel film Gli equilibristi forse hanno optato per la seconda.

Un film crudo che riprende la grande tradizione neorealista italiana. La bravura di Ivano De Matteo è tale da ricordarmi le atmosfere intimistiche del maestro Pietro Germi! Ottimo lo stile asciutto ed essenziale del racconto: il film si apre con una scena di sesso, consumata in uno squallido archivio comunale deserto, che si chiude immediatamente senza attardarsi in inutili dettagli. Quel tradimento sarà l’incipit della distruzione della bellissima famiglia di Giulio (un Valerio Mastandrea in splendida forma), composta dalla moglie Elena e i due figli Gabriele, troppo piccolo per rendersi conto di cosa veramente succede, e Camilla, la figlia adolescente che invece ha tutti gli strumenti per partecipare sino in fondo al dramma familiare.

All’inizio si fatica a comprendere l’atteggiamento scontroso e acido di Elena, ma poco dopo si capisce che dietro c’è un dolore troppo grande da sopportare quand’anche l’alibi sia il bene dei figli. Il merito del film è l’originalità e l’attualità del soggetto, che porta sotto i riflettori del cinema la tragedia umana dei padri che per affrontare la separazione finiscono letteralmente in miseria, vittime di una tutela giudiziaria forse troppo squilibrata che non tiene conto delle reali possibilità economiche di un impiegato del comune con uno stipendio da 1.200 € al mese, salari di mera sussistenza cui sono oggi ridotti gli ex appartenenti al ceto medio. Una tema socio-politico che denuncia una situazione assai diffusa in tutti i paesi del mondo, dove ormai si registra un indice di concentrazione della ricchezza sempre crescente e non più tollerabile!

Tornatene a casa, magari ti aggiusti per un po’ sul divano … il divorzio è per i ricchi!” è il consiglio di un uomo stanco che Giulio incontra in un ufficio pubblico dove spera di trovare un aiuto.

Durante questo passaggio dal ceto medio alla povertà si assiste impotenti alla cruda verità della lotta per la sopravvivenza, invisibile a chi ha le spalle coperte, ma ben nota ai tanti strani compagni di viaggio e sventura che Giulio incontrerà sulla sua strada. Un fisico che non è temprato per affrontare i lavori di facchinaggio al mercato, le umiliazioni di chi credevi amico cui tendi la mano, i figli da non deludere perché ti credono un eroe, delle prove troppo dure per chiunque; prove che, dopo averti fiaccato, alla fine ti spezzano. E non ci si senta diversi o superiori come se la cosa non ci riguardasse; è un attimo ed esiste per chiunque una soglia di rottura.

Sullo sfondo una Italia quotidiana che tutti conosciamo ma di cui non si parla volentieri, quella fatta dai lavori e degli affitti pagati in nero, dalla distruzione dello stato sociale e dalla Caritas, unico vero aiuto che la nostra comunità riesce ancora a tenere in piedi.

Commovente il rapporto tra la figlia Camilla (la brava Rosabell  Laurenti Sellers) ed il padre. Tristissima ed impietosa la trasformazione psichica di Giulio che da padre amorevole, presente ed affettuoso, si trasforma in un uomo buio, spento, scontroso e schivo, perché se ti portano via la dignità lentamente muori. Una pellicola il cui peso ti accompagna per diversi giorni.

Uno degli insegnamenti più importanti di questo bel film?  L’unica cosa che conta nella vita è la famiglia!

Annunci

8 pensieri su “GLI EQUILIBRISTI

  1. lupokatttivo

    Ecco….questo e’ il vero horror, mica quelli che guardo io di solito…. Sta storia, anche se non ho visto il film, spaventa molto di piu di suspiria o the descent 😀

    Rispondi
    1. admin1962 Autore articolo

      Eh già ragazzi, vi capisco perfettamente, anche per me è dura reggere emozioni esistenziali così pesanti, ma … che ci volete fare, ogni tanto mi piace vedere anche questo tipo di film, forse perchè per me il cinema è una grande fonte di informazioni non solo per evadere e svagarsi ma anche per vivere (virtualmente) altre vite e da quelle esperienze imparare, è un moltiplicatore: perché vivere solo una vita? Il fatto è che nelle esistenze umane spesso i momenti bui prevalgono su quelli felici …. ad allora mi sparo qualche bel filmaccio di evasione per riprendermi; diciamo che è un bel gioco i equilibrio tra film duri e film leggeri.
      Grazie come sempre per la vostra compagnia ragazzi! 😉

      Rispondi
  2. lapinsu

    Lupo ha ragione. Mi è venuta la depressione solo a leggere le tue (al solito brillanti) righe.
    Sono contento che esista cinema di denuncia, cinema che racconti la realtà nella sua crudezza. Però questo cinema non fa per me… per me vedere un film è relax e divertimento, magari con un pizzico di riflessione purchè non sfoci nell’angoscia esistenziale.
    Figurati che tempo fa iniziai la visione di un film danese molto quotato e candidato all’Oscar: Alabama Monroe. Interruppi la visione dopo pochi minuti quando mi resi conto che la storia non era il road movie a suon di bluegrass che mi ero immaginato, bensì la malattia di una bambina. Non ho resistito, non ho potuto vederlo. E’ stato più forte di me.

    Rispondi
    1. admin1962 Autore articolo

      Eh già ragazzi, vi capisco perfettamente, anche per me è dura reggere emozioni esistenziali così pesanti, ma … che ci volete fare, ogni tanto mi piace vedere anche questo tipo di film, forse perchè per me il cinema è una grande fonte di informazioni non solo per evadere e svagarsi ma anche per vivere (virtualmente) altre vite e da quelle esperienze imparare, è un moltiplicatore: perché vivere solo una vita? Il fatto è che nelle esistenze umane spesso i momenti bui prevalgono su quelli felici …. ad allora mi sparo qualche bel filmaccio di evasione per riprendermi; diciamo che è un bel gioco i equilibrio tra film duri e film leggeri.
      Grazie come sempre per la vostra compagnia ragazzi! 😉

      Rispondi
      1. lapinsu

        ah, la catarsi, che cosa meravigliosa che è…
        noi cinefili ne siamo malati, ma francamente è l’unica malattia da cui non voglio proprio guarire 🙂

  3. sabato83

    Wow, veramente un film che ti lascia senza fiato. L’ho messo in lista, ma dovrò trovarmi veramente molto in vena per poterlo vedere senza deprimermi 😀

    Rispondi
  4. admin1962 Autore articolo

    Ciao Sab, è semre un piacere sentirti!
    Io ormai scrivo al rallentatore per diversi problemi e poco tempo a disposizione, ma quando posso non perdo il vizio! Eh eh 🙂
    E tu che combini di bello?

    Rispondi

Dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...