INTERSTELLAR

INTERSTELLARTITOLO: INTERSTELLAR  

GENERE: FANTASCIENZA

RATING:  * * * – –

TRAMA:

In un futuro ormai prossimo, di cui già iniziamo ad intravedere i primi segni, il pianeta è sconvolto da una trasformazione climatica che non lascia scampo. Tempeste di sabbia sempre più frequenti investono i continenti, l’atmosfera è sempre più ricca di azoto a scapito dell’ossigeno e l’unica coltura che ancora riesce a resistere è quella del mais. L’umanità ha bisogno disperato di cibo ed indirizza tutti i suoi ultimi sforzi nell’agricoltura, preparando i bambini alla difficile arte dell’agricoltore. La scienza è stata praticamente non solo abbandonata, ma addirittura rinnegata, e nelle scuole si insegna, in stile propagandistico, che l’uomo non è mai andato neppure sulla luna.

L’amarezza di chi come l’ex astronauta Cooper conosce la verità è grande, ma per amore dei figli si sforza di tenerla nascosta, sino a quando la sua piccola ed intelligente Murph, lo porterà a scoprire che la NASA esiste ancora e sta pianificando, in gran segreto, una missione disperata nel tentativo di salvare l’umanità. Il futuro non è sulla terra ma nella speranza di trovare un pianeta da colonizzare in qualche altra galassia …

(Regia: Christopher Nolan – anno 2014)

COMMENTO:

Promozione roboante, budget astronomico da 165 milioni di dollari, grandi nomi, grandi attese, eppure preparatevi a lasciar dentro di voi anche un posticino per la perplessità, un luogo piccolo e nascosto nel profondo dove far albergare un interrogativo “ma”; c’è un “ma”, e forse sono proprio le aspettative che alla fine lasciano lo spettatore con una punta di amaro in bocca non facendogli gridare al miracolo!

Un bel film, un Kolossal, ma non un capolavoro. Insomma un film che si muove sul sottilissimo confine tra il bel film e la delusione. Avete presente una ragazza che per mille ragionamenti e considerazioni potreste giudicare tutto sommato carina senza però esserne pienamente convinti? Quella perplessità che vi abbandona nella terra di mezzo del “ni” impedendovi di collocarla con decisione tra le belle ragazze? Ecco, allora avete centrato perfettamente la difficoltà che ho incontrato nell’inquadrare Interstellar.

Un film grandioso, ottimi effetti speciali, uno straordinario viaggio nel cosmo attraverso gallerie gravitazionali e spazi mentali a cinque dimensioni, una durata impegnativa di quasi tre ore che scorrono senza stancare, tutte caratteristiche che testimoniano la bravura di Nolan eppure …. dopo essere usciti dalla sala si rimane perplessi, un po’ come quando una pietanza dal sapore gradevole riempie lo stomaco senza tuttavia nutrire o saziare. Si rimane straniti nell’accorgersi di  non saper rispondere alla domanda:”Che cosa mi porto a casa? Di cosa mi sono arricchito?” e rimane forte, il senso di un’occasione sprecata.

In casi come questi di emozioni “bipolari”, l’unico modo per trarsi d’impiccio è quello di elencare i punti forti e quelli deboli.

Sul versante dei lati positivi le tante riflessioni etiche (è giusto sacrificare il singolo per la salvezza della specie?), filosofiche (al centro del creato c’è l’uomo?), che Nolan mette in campo. Dall’altra il voler affidare gli interrogativi a tante (forse troppe) storie, finendo per cadere nella confusione di più generi cinematografici, dalle atmosfere western di una umanità che, come gli antichi pionieri, affida la propria sopravvivenza alle grandi colture di mais lottando tenacemente contro una natura violentata e violenta, a quelle degli action-film appena accennate durante il tradimento del Dott. Mann, per finire nel più scontato messaggio a favore della famiglia e dell’amore filiale tipo:”Solo l’amore trascende lo spazio e il tempo” in stile sceneggiato televisivo!

Bella e raccapricciante la frase che sottolinea un aspetto non propriamente positivo della genitorialità: ”Siamo i fantasmi del futuro dei nostri figli!”.

Al centro della narrazione l’umanità con tutte le sue caratteristiche, dagli aspetti più nobili (l’amore familiare, lo spirito d’avventura, la ricerca, la curiosità, la brama di conoscenza, quell’anelito verso l’infinito che fa sentire di essere esseri nati per qualcosa di più grande che  coltivare la terra) a quelli più meschini e bassi come la paura, l’istinto di sopravvivenza nel nome del quale si è disposti a sacrificare qualsiasi altro valore, la follia auto-distruttiva,  l’incapacità di vivere in armonia con ciò che ci sostiene.

interrogativi forti, presenti dal punto di vista razionale ma non sviluppati (o efficacemente rappresentati) dal punto di vista del pathos. Lodevole l’intenzione visionaria di Nolan di voler raffigurare ciò che non si è mai visto, peccato però che manchi la “forza” visionaria (la scena più emozionante del film – l’unica di quest’intensità – è il mare verticale!).

L’intero film si regge sul meccanismo emotivo dello “sfasamento temporale” dovuto ai drammatici rallentamenti gravitazionali (“mentre noi viviamo poche ore, dall’altra parte si invecchia velocemente e si muore!”), per il resto la storia scorre lenta e senza troppe emozioni.

Tante le citazioni, dalle emozionanti atmosfere rarefatte e silenziose di Gravity, a TARS, la versione buona di Hal9000, il computer di Odissea 2001 nello spazio.

Notevole lo sforzo nell’argomentare scientificamente la storia ricorrendo alla teoria dei wormhole, dei buchi neri, degli effetti della Relatività (Generale) sullo scorrere del tempo ed il paradosso dei due gemelli di Einsteiniana genitura, a riprova che Interstellar nasce con dei propositi ambiziosi. Tuttavia proprio tale ambizione rende meno tollerabile l’illogico temporale su cui si fonda l’intera narrazione: d’accordo che si tratta di “FANTA”-scienza (e quindi ci stanno tutte le imprecisioni sugli wormhole, la sopravvivenza all’interno dei buchi neri, ecc.), ma anche la fantasia per avere significato non deve infrangere le regole della logica: se l’umanità in futuro si è potuta evolvere in cinque dimensioni, significa che non si è mai estinta in passato, allora perché viaggiare indietro nel tempo  per mandare a se stessa l’aiutino (in termini di wormhole e segnali con i dati necessari trasmessi alla piccola Murph) per evitare una estinzione mai avvenuta? In altre parole, se l’umanità si fosse estinta non avrebbe mai potuto esistere in uno stato futuro di evoluzione superiore dal quel tornare indietro nel tempo per mandare aiuti e messaggi di salvezza. Perché una tesi sia vera le conclusioni non possono contraddire l’assioma su cui essa si fonda!

La sceneggiatura di Interstellar mi pare sia caduta in un non chiarissimo loop temporale. Forse per un eccesso di generosità, Nolan spiega per filo e per segno allo spettatore come funziona il film fornendo tutte le risposte alle sue domande, anche quelle che forse avrebbero conferito più fascino al film se lasciate all’immaginazione e all’ignoto!

Concludendo, l’attesissimo kolossal di Christopher Nolan, Interstellar, è assolutamente un film da vedere ma non è il capolavoro annunciato.

Annunci

11 pensieri su “INTERSTELLAR

  1. Gian Carlo

    Bella recensione, sono d’accordo in toto e non avrei potuto scrivere meglio. Aggiungerei che lo stile è quello di Inception, dove il diluvio di discorsi e di situazioni non consentivano di ragionare troppo sulla fattibilità anche immaginata delle realtà presentate. Ecco, con Gravity succede la stessa cosa ma anziché fatti e parole si sovrappongono tempi e spazi percorsi, il tutto per confondere lo spettatore e non farlo ragionare troppo sul “come si è arrivati a questo punto” e perché. Bello, si… ma per quale motivo? Io dó la mia risposta: la potenza immaginifica. E poi, badando al sodo, per la bravura degli interpreti. Ma come sci-fi 2001 Odissea nello Spazio rimane imbattibile e anche 2010 l’Anno del Contatto non scherza.

    Rispondi
  2. sabato83

    Guarda, proprio perché si tratta di Fanta-scienza, si è potuto inventare tanto, infrangendo ogni regola di logica. Non si può seguire la logica di qualcosa che non si conosce. Non sappiamo niente in merito a wormhole e cosa succede se li attraversiamo. Quindi, tutto è permesso alla fantasia.

    Per il discorso della civiltà estinta, è molto chiaro. Quello che noi vediamo nel film, è qualcosa che si ripete continuamente. Quindi, significa che la civiltà non si è mai estinta, perché qualcuno (sempre i protagonisti), è già andato nello spazio ed ha fatto tutto questo.

    Tutto si ripete di continuo, come un loop.

    Io ho trovato tutto molto chiaro nel racconto, ed è stato interessante discutere di tanti passaggi alla fine della proiezione. E’ stato un film molto affascinante.

    Rispondi
  3. lupokatttivo

    Non l ho visto, aspetto il dvd, ma lo vedro’ e temo che mi piacerà perche adoro la fantascienza…. Tuttavia anche da profano ho trovato interessanti le tue argomentazioni… Ci faro’ caso…. E ti faro’ sapere 😉 ciao ale

    Rispondi
  4. admin1962 Autore articolo

    Hola amigo, sempre un piacere leggerti! 😉
    Curioso di sapere le tue impressioni … tranquillo, ovviamente ti piacerà perchè nel complesso è un bel film, ma lo sai che io sono complicato …. 😦
    eh eh eh 😀
    Ciao Lupo

    Rispondi
  5. lapinsu

    Ci ho messo un po’ a trovare il tempo per risponderti (la prima volta che ho letto il tuo articolo è stata la scorsa settimana… mea culpa) comunque eccomi qui.
    Al solito sei stato esaustivo, preciso e chiarissimo. Per molti aspetti concordo con la tua analisi (ma questo già lo sai) tuttavia a me il film è piaciuto di più perchè ne ho apprezzato alcuni aspetti che invece a te hanno spiazzato. Ad esempio scrivi:
    se l’umanità in futuro si è potuta evolvere in cinque dimensioni, significa che non si è mai estinta in passato, allora perché viaggiare indietro nel tempo per mandare a se stessa l’aiutino (in termini di wormhole e segnali con i dati necessari trasmessi alla piccola Murph) per evitare una estinzione mai avvenuta? In altre parole, se l’umanità si fosse estinta non avrebbe mai potuto esistere in uno stato futuro di evoluzione superiore dal quel tornare indietro nel tempo per mandare aiuti e messaggi di salvezza. Perché una tesi sia vera le conclusioni non possono contraddire l’assioma su cui essa si fonda!

    A me invece questa cosa del loop ha gasato da paura: dà un senso di ineluttabilità e impotenza che disorienta e affascina. Mi fece un effetto simile un altro film che spero tu abbia visto: “L’esercito delle docici scimmie”, quando vedendo la scena finale si scopre che era il sogno ricorrente di Bruce Willis, come se lui avesse già vissuto quella scena milioni di volte, in un circolo vizioso e senza tempo.

    Al solito, è sempre una questione di prospettive, caro amico.
    Resta solo una conclusione da fare: Nolan è uno dei pochissimi registi che riesce ancora ad abbinare il MAINSTREAM alla QUALITA’. E di questo è sempre doveroso dargliene atto, perchè il cinema attuale tende troppo spesso a dividersi in patacconate da botteghino o robe troppo sofisticate (almeno per i cinefili autodidatti come me).

    un salutone!!!!

    Rispondi
    1. admin1962 Autore articolo

      Caio Lap, che onore, una risposta che è a sua volta una recensione!!! Grazie! 🙂
      Si ho visto il film “L’esercito delle 12 scimmie” e mi è piaciuto tantissimo!
      Comunque sia la cosa più importante è che il film ti regali almeno emozioni al diavolo la logica …ogni tanto bisogna pur godere! Il fatto è che sono un po’ complicatuccio e pignolo eh eh eh !
      E’ sempre un piacere ascoltare il tuo parere 😉
      Alla prossima Lap

      Rispondi
  6. Andrea Evangelisti

    Sono esattamente in linea con tutto ciò che hai detto, come al solito la recensione è super-esaustiva e scritta magistralmente.
    Non ho comunque apprezzato la scelta di improntare una campagna di lancio con interviste ( di Nolan e staff tecnico ) sulla precisione scientifica delle teorie astronomiche proposte ( tanto da definirlo: “un film di scienza” ) e poi alla minima critica sull’impossibilità di vivere in un wormhole ripiegare nella scusa “film di fantascienza”… bha…
    Resta il fatto che per ora, personalmente, è la più grande delusione dell’anno.

    Ciao e alla prossima!

    Rispondi

Dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...