STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI

STORIA_DI_UNA_LADRA_DI_LIBRITITOLO: STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI

 GENERE: DRAMMATICO

 RATING:  * * * +

 TRAMA:

In una livida giornata d’inverno della Germania nazista, alle soglie della seconda guerra mondiale, la piccola Liesel inizierà a capire quanto la vita può essere dura. Dopo aver perso il fratellino durante il disperato viaggio in treno con la madre in fuga per le sue idee politiche, Liesel verrà affidata alla famiglia Huberman in cambio di un sussidio economico. Le apparenze dure e scorbutiche della madre adottiva Rosa, le prese in giro dei nuovi compagni di scuola perché non sa leggere, sono un duro colpo anche per una bambina forte e coraggiosa come Liesel, ma il cuore buono ed i modi gentili del suo nuovo padre Hans e l’amicizia di Rudy, l’aiuteranno pian piano ad inserirsi.

Il papà adottivo infatti scopre un libro che la bambina custodisce gelosamente assieme alla foto di un bambino. Si tratta di un libro che Liesel ha rubato al funerale del fratellino. Incuriosito dal titolo bislacco, capisce che la bambina non sa leggere e si offrirà di insegnarglielo durante lunghe notti insonni. La già difficile vita della famiglia del povero imbianchino si complica ulteriormente quanto una notte bussa alla sua porta un giovane smagrito e debole. Si tratta di un giovane ebreo, figlio di un ex compagno d’armi di Hans, in fuga dai rastrellamenti nazisti. Malgrado il pericolo mortale che corrono i genitori adottivi di Liesel lo nasconderanno in cantina dandogli rifugio e assistenza. Max, questo è il suo nome, è un giovane colto e sensibile e durante la sua prigionia nello scantinato riesce a sopravvivere grazie alla lettura ed ai racconti della bambina. Tra i due nascerà un forte legame fraterno durante il quale il giovane incoraggerà Liesel ad approfondire la sua passione per la letteratura e la sua capacità di descrivere il mondo esterno attraverso gli occhi delle sue emozioni. Sarà l’inizio di una grande e drammatica avventura fatta di amicizia e solidarietà, durante la quale Liesel si trasformerà in una ladra di libri …

(Regia: Brian  Percival – anno 2014)

COMMENTO:

Splendido, commovente, terapeutico per una memoria umana troppo labile e volatile. La storia di un’Europa buia narrata attraverso gli occhi e le vite di LieselHans e Rosa Huberman, Max, Rudy Steiner, il borgomastro e sua moglie, tutti uomini comuni che chiamiamo “la gente”, quelle persone che, appartenendo ad un popolo in un determinato tempo, ne sono stati testimoni.

Non ci sono parole per descrivere gli orrori e le follie della guerra, ecco perché un film è necessario. Allora guardate le immagini, semplicemente: piangerete per le relazioni interrotte, l’umanità umiliata, rinnegata, le vite spezzate; vivrete gli echi di emozioni terribili rimosse o dimenticate, i ricordi della Seconda guerra mondiale che tante volte i nostri nonni, zii o genitori hanno narrato con sguardi tristi e persi nel vuoto.

Brian Percival e Markus Zusak li ripropongono con uno stile narrativo d’altri tempi che ricorda quello de Il libro cuore, con i suoi ritmi lenti, sentimenti puliti e semplici, fuori moda ma forti perché autentici. Fame, freddo, paura, la difficoltà di mettere assieme due pasti al giorno per tutti i componenti della famiglia, ma anche amicizia, amore, condivisione, solidarietà, pietà, speranza, la meraviglia di essere ancora vivi, tutti valori umani che paradossalmente sembrano fiorire proprio in contesti così duri. Tempi in cui anche nella civilissima Europa i figli venivano strappati alle loro madri perché comuniste e dati in adozione ad altre coppie, ma anche tempi in cui la fantasia ed i libri sostituivano la televisione costruendo persone uniche e meravigliose. Tutte cose che la nostra società impregnata di McDonald’s e Talent show ha dimenticato. Rinfrescare la memoria è salutare, serve per non commettere gli stessi errori e allora ben vengano film e racconti come Storie di una ladra di libri per le nuove generazioni!

Una menzione speciale la dedico al casting: gli occhi buoni di Geoffrey  Rush (Hans), le labbra sottili di Emily  Watson (Rosa), il volto scavato di Ben  Schnetzer (Max), gli occhi grandi ed innocenti di Sophie  Nélisse (Liesel), testimoniano una scelta raffinata e sensibile che ad ogni personaggio del best seller di Markus  Zusak   ha saputo regalare il giusto volto.

Munitevi di qualche fazzolettino di carta e preparatevi: per qualche giorno ancora, dopo la proiezione del film, vedrete lo sguardo limpido di Liesel, una ragazzina che amava leggere libri ed inventare storie, vi sembrerà di sentire la voce di Max nascosto nel vostro sottoscala, vi faranno compagnia le note di un organetto suonate da un uomo buono di nome Hans e la voce scorbutica di sua moglie Rosa, vedrete correre Rudy, un ragazzino “dai capelli color limone” che sognava di essere Jesse Owens, l’americano di colore che alle olimpiadi di Berlino del 1936 umiliò Hitler.

Unica nota stonata del film la scelta di affidare ad una voce fuori campo i commenti della morte: un essere così spirituale e senza tempo avrebbe meritato dei pensieri e delle considerazioni assai più profonde e sagge per ruolo e consapevolezza. La morte di Markus Zusak (nella sceneggiatura di Michael  Petroni) ha invece pensieri e riflessioni talmente banali da ridursi ad un personaggio vetusto e sempliciotto, che malgrado ne abbia viste di cotte e di crude ancora prova stupore nell’osservare gli esseri umani … una rappresentazione fuori luogo e povera che infastidisce per il poco spessore e non arricchisce il film.

 

 

 

Annunci

9 pensieri su “STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI

  1. Ivan

    Devo dire che il mio giudizio è stato diametralmente opposto (2/5). Concordo sulla morte…pessima idea. Ti invito a leggere e commentare la mia recensione!

    Rispondi
  2. monica aschieri

    Devo dire che dopo la tanta pubblicità e soprattutto i tanti commenti di amici positivi son rimasta delusa dalla pellicola in sé. Una sorta di vecchia storia d appendice anni 50…
    PS , avete visto anarchia??

    Rispondi
    1. admin1962 Autore articolo

      Ciao Monica, che onore averti a bordo! 🙂
      Devo dire che a me è piaciuto un po’ perché sono un incorreggibile romantico ed un po’ perché ogni tanto mi piacciono anche le storie che parlano di sentimenti semplici e puliti in stile un po’ retrò.
      Qualcuno ha storto il naso per “gli espedienti” usati per commuovere il pubblico. Io non sono d’accordo: a quei tempi “le mamme, i papà e gli amichetti” morivano veramente sotto le bombe, e ricordarlo in quest’epoca, in cui la terza guerra mondiale accende focolai sparsi qui e là per il globo, non fa male!
      A te cosa non è piaciuto esattamente?

      Rispondi
  3. dandellion97

    Ho visto così tanti film e letto così tanti libri sul terzo Reich e sulla seconda guerra mondiale che oramai ne ho le tasche piene…ad ogni modo film di questo tipo vanno visti. La memoria è troppo vulnerabile, troppo fragile, bombardata dalle mille possibilità del presente è costretta ad archiviare il passato, talvolta negarlo…ma essi meritano di essere ricordati, non devono essere morti in vano. Vedrò questo film…spero meriti quanto dici 🙂

    Rispondi
    1. admin1962 Autore articolo

      Ciao Laura!
      E’ un piacere averti a bordo! 🙂
      Grazie per la fiducia, poi chissà, le persone sono straordinarie, vedono le stesse cose con occhi diversi!
      Chissà se anche tu troverai nel film le emozioni che ho trovato io!
      Attendo news 😉

      Rispondi

Dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...