CAPTAIN AMERICA – THE WINTER SOLDIER

CAPTAIN_AMERICA_THE_WINTER_SOLDIERTITOLO: CAPTAIN AMERICA – THE WINTER SOLDIER

GENERE: SUPEREROI

RATING:  * * * *

TRAMA:

Dopo essere stato congelato per ben 70 anni, Steve Rogers, alias Capitan America, cerca di adattarsi alla nuova epoca e di condurre una vita normale. Malgrado gli anni della seconda guerra siano lontani nel suo cuore albergano gli ideali di sempre che Steve continua a servire all’interno della super organizzazione segreta dello S.H.I.E.L.D., agli ordini del mitico agente Nick Fury.

Un doppio livello di sicurezza al quale non può accedere nemmeno il colonnello Nick e la poca trasparenza di alcuni ordini ricevuti, fanno tuttavia sospettare a Steve Rogers che all’interno dello S.H.I.E.L.D. vi siano delle minacce. Il sospetto diventa realtà quando lo stesso Nick Fury sarà vittima di un attentato. Da quel momento in poi dei killer micidiali tenteranno di eliminare per sempre anche Capitan America che in questa lotta senza esclusioni di colpi troverà una preziosa alleata nell’agente Natasha Romanoff, alias Vedova Nera.

(Regia: Anthony  Russo, Joe  Russo – anno 2014)

COMMENTO:

Il digitale ha raggiunto una perfezione tale che tutto quello che una volta si poteva soltanto immaginare, tra la staticità di un disegno e l’altro del fumetto, ora è possibile vederlo rappresentato in scene cinematografiche dettagliate e talmente spettacolari da superare la fantasia dello spettatore. Forse si è un po’ più passivi ora che le immagini sono confezionate chiavi in mano da interi team di specialisti, ma sono talmente ben realizzate che l’effetto e lo stupore non mancano.

Inseguimenti, sparatorie, arti marziali, missioni da commandos, armi avveniristiche, azioni spettacolari, colpi di scena: un tripudio per gli occhi senza rinunciare ad una trama articolata che si colora di intrigo, spionaggio e complotto. 136 minuti talmente ricchi che uscirete dalla sala cinematografica sazi come dopo la cena di capodanno.

Vi è persino traccia di un timido approfondimento psicologico quando, uno Steve Rogers in crisi, confida di non capire più bene cosa sia giusto e cosa sia sbagliato in un mondo diventato così complesso. Ovviamente non mancano alcuni classici del repertorio, come  il mitico discorso a braccio dell’eroe in difficoltà che arringa la folla con parole che esaltano gli animi, trasformando una opulenta massaia o un geometra del catasto in un guerrieri sanguinari pronti per la battaglia finale!

Simpatiche le contaminazioni provenienti dagli altri fumetti della Marvel, citazioni che solo i cultori del genere supereroi creati da Stan Lee e Jack Kirby possono recepire, come la molecola usata su Nick Fury che si scopre esser stata messa a punto dal Dott. Bruce Banner per cercare di controllare la sua trasformazione nell’incredibile Hulk, o come le avveniristiche e letali dotazioni tecnologiche dello S.H.I.E.L.D. messe a punto da Tony Stark, alias Iron Man!

Interessante il simbolo di Capitan America con il suo scudo a stelle e strisce, a ricordarci che le radici della democrazia americana sono ancora salde e forti, ed il marcio può essere estirpato anche quando si è insinuato ai massimi livelli decisionali. Se la democrazia è sana anche i potenti alla fine pagano il conto. Questi ideali, che agli occhi di un continente vecchio e decadente come il nostro possono sembrare un po’ ingenui, in realtà sono la vera forza del popolo americano, e sentenze storiche come quelle che hanno condannato a centinaia di anni di carcere i responsabili di catastrofi finanziarie o ecologiche lo dimostrano.

Buon ritmo, scene sovrabbondanti, ottima storia, interpreti all’altezza, fanno di Captain America – The Winter Soldier un film che i fan della serie non devono perdere!

Annunci

8 pensieri su “CAPTAIN AMERICA – THE WINTER SOLDIER

  1. aboer65

    Io, cresciuto con i fumetti dell’Uomo Ragno, lo andrò a vedere sicuramente, anche se Cap mi è sempre stato un po’ sulle scatole, sempre così perfettino e idolatrato…

    Rispondi
    1. admin1962 Autore articolo

      E’ vero, il personaggio non è di per se molto carismatico e non era tra i miei supereroi preferiti, ma questo episodio è fatto molto bene, vedrai che ti piacerà! 🙂
      Ciao

      Rispondi
  2. Gian Carlo

    Bè, caro admin, in questa pellicola c’è un po’ di tutto e fatto bene. Armamenti da Avatar, paesaggi da Spider Man, ironia da fumetto e tanto tanto americanismo tipico della Marvel (e non poteva essere che così). Nel suo genere un film ben fatto ma che può solleticare solo gli amanti del genere e i nostalgici delle strips anni 70 a stelle e strisce. Per il resto un lungo-lungometraggio che viene dimenticato la mattina dopo quando ci si sveglia per andare al lavoro. Almeno, questo è quanto è successo a me!

    Rispondi

Dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...