OBLIVION

OBLIVIONTITOLO: OBLIVION

GENERE: FANTASCIENZA

TRAMA:

Nel 2077, a seguito di una guerra atomica con degli invasori alieni, il pianeta terra è ridotto ad una landa desolata, devastata dai terremoti, tzunami e cataclismi terribili causati dallo sbriciolamento della stessa luna ad opera degli invasori.

La guerra era stata vinta ma il pianeta era ormai perso. Così l’umanità superstite si era trasferita su una delle lune di Saturno, lasciando sulla terra alcuni tecnici militari con il compito di proteggere dagli alieni superstiti che ancora si aggiravano sulla terra, le trivelle d’acqua che fornivano di risorse il nuovo pianeta appena colonizzato.

Jack Harper e Victoria Olsen, costituiscono la squadra che da un avamposto terrestre, si occupa della manutenzione dei droni, spietate macchine da guerra usate contro il pericolo alieno.

Ma un giorno un misterioso segnale lanciato nello spazio, riporta a terra una vecchissima navicella spaziale terrestre con un equipaggio umano in stato di sonno delta.

Da quel momento tutto si complica e diventa incomprensibile, ma la risposta è contenuta nel titolo: Oblio!

(Regia: Joseph  Kosinski – anno 2013)

RATING:  * * * *

COMMENTO:

Grandiosa la realizzazione di Joseph  Kosinski e della produzione, capace di proiettare gli spettatori in una terra pos-atomica di un realismo impressionante.

La scenografia, gli effetti speciali (mai preponderanti e solo di ausilio alla forza della storia), la perfezione delle immagini, hanno ormai raggiunto livelli talmente raffinati da regalare alla fantascienza la magia del realismo!

Bellissima e machiavellica la trama; talentuosa la struttura narrativa, che dalle certezze iniziali comunicate dalle frasi rassicuranti di Jack Harper e la sua partner Victoria («Siamo una squadra efficiente», o «Un’altra giornata in paradiso») riesce ad insinuare lentamente nello spettatore il dubbio che nulla sia come appare!

Il pathos è sempre alto; la verità si disvela molto gradualmente, rendendo partecipe il pubblico in sala della terrificante  presa di coscienza vissuta da Jack.

Innegabile ma mai fastidiosa qualche citazione di altri film come Moon, del resto creare delle autentiche novità oggi non è semplice.

Bello anche il colpo di scena finale che riesce a stupire persino cinefili navigati.

Sempre ottimo ed in splendida forma il non più giovanissimo Tom Cruise e bellissima Olga  Kurylenko nei panni di Julia.

Anche questa volta la Universal Pictures ci ha visto bene!

Annunci

Dai commenta! Non fare il timido

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...